Bce, calano ancora i prestiti alle imprese dell'Eurozona

Le NEWS su prestiti e finanziamenti

prestiti, finanziamenti

Bce, calano ancora i prestiti alle imprese dell'Eurozona

Giù i prestiti alle società: -1,9% rispeto al 2012 ad aprile

 

Calano i prestiti delle banche dell'Eurozona alle imprese, nonostante il costo del denaro al minimo storico. Secondo i dati diffusi dalla Banca centrale europea il credito alle società non finanziarie è calato ad aprile dell'1,9% rispetto a un anno prima, accelerando al ribasso dalla contrazione dell'1,3% registrata a marzo. Le cifre riflettono la debolezza dell'economia dell'Eurozona, che ha visto il Pil scendere dello 0,2% nel primo trimestre del 2013.

Certo è che il caso-Cipro è costato caro in termini di fiducia nel sistema bancario e ha portato, in aprile, a un calo generalizzato del flusso dei depositi verso le banche, sopratutto nei Paesi più in difficoltà, e di conseguenza anche negli impieghi che le banche hanno diretto verso il settore privato. Secondo i dati rilevati dalla Bce, i depositi in Italia sono diminuiti dello 0,3% in aprile rispetto al mese prima, interrompendo una serie positiva (+3,1% in marzo), ma si mantengono in aumento dell'8% rispetto allo stesso mese del 2012. Gli impieghi delle banche italiane al settore privato - famiglie e imprese - sono diminuiti sempre in aprile dello 0,7% su base mensile. 

Sempre dall'Eurotower è arrivata la rilevazione della quota di titoli di Stato detenute dalle banche italiane, relativi al mese di aprile. Dai dati diffusi oggi dalla Bce risulta così che lo scorso mese l'entità dei bond governativi detenuti dalle banche italiane è cresciuta di 7,4 miliardi di euro (a marzo la crescita era stata di 10,8 mld) attestandosi a quota 396,9 miliardi di euro. Dai dati diffusi da Francoforte emerge poi che ad aprile i depositi dei privati presso le banche italiane sono scesi dell'1%.

 
< Torna alle News |
 
Lacenacolorata Vava Media